Nato, Zelensky, G7. La Cina respinge le accuse di “connivenza” con la Russia

da | Pagine Esteri






di Michelangelo Cocco – Rassegna Cina

(nella foto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg)

Pagine Esteri, 20 giugno 2024 – La guerra in Ucraina e la quasi-alleanza Pechino-Mosca agitano le relazioni tra la Cina e l’Occidente. L’ultimo attacco contro la “neutralità” professata da Pechino è arrivato da Jens Stoltenberg, che ha spiegato così l’espansione all’Asia orientale delle attività dell’Alleanza atlantica: «Il crescente allineamento tra la Russia e i suoi amici autoritari in Asia rende ancora più importante la nostra stretta collaborazione con i nostri amici nell’Indo-Pacifico».

Durante il suo intervento al Wilson Center di Washington (il 17 giugno scorso), il segretario generale della Nato ha inoltre sostenuto che «la realtà è che la Cina sta alimentando il più grande conflitto armato in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale. E allo stesso tempo vuole mantenere buoni rapporti con l’Occidente».

Dichiarazioni pesanti, alla vigilia del summit della Nato che andrà in scena nella capitale statunitense dal 9 all’11 luglio, al quale (come al precedente vertice annuale a Madrid) parteciperanno anche Giappone, Corea del sud, Australia e Nuova Zelanda, i cosiddetti “Quattro dell’Indo-Pacifico”, paesi con i quali la Nato sta rafforzando il coordinamento in un’ottica di contenimento della Cina.

Secondo Stoltenberg, le esportazioni cinesi di semiconduttori a doppio impiego (civile-militare) e di capacità satellitari stanno consentendo alla Russia di «infliggere più morte e distruzione all’Ucraina, rafforzare la sua base industriale di difesa ed eludere l’impatto delle sanzioni e dei controlli sulle esportazioni».

Martedì il ministero degli esteri di Pechino ha replicato che «la Nato è un prodotto della Guerra Fredda e la più grande forza militare del mondo. La Nato dovrebbe riflettere un po’ sul ruolo che ha avuto nella crisi ucraina, invece di diffamare e attaccare arbitrariamente la Cina». «Vorrei consigliare alle parti interessate di smettere di spostare le responsabilità e di seminare discordia, di astenersi dal versare benzina sul fuoco e dall’istigare lo scontro tra blocchi, e di fare qualcosa di concreto allo scopo di risolvere politicamente la crisi», ha aggiunto il portavoce, Lin Jian.

Nel fine settimana aveva fatto rumore l’assenza della Cina dalla conferenza di pace sull’Ucraina che si è svolta a Lucerna, in Svizzera, alla quale la Russia non era stata invitata. «Raggiungere la pace richiede il coinvolgimento e il dialogo tra tutte le parti», si legge nel comunicato finale del vertice.

Il documento ha inoltre riaffermato l’impegno per la «sovranità, indipendenza e integrità territoriale di tutti gli stati, compresa l’Ucraina, entro i loro confini riconosciuti a livello internazionale». Pagine Esteri






L’articolo Nato, Zelensky, G7. La Cina respinge le accuse di “connivenza” con la Russia proviene da Pagine Esteri.

Vuoi saperne di più? Chiedi un supporto.

Nato, Zelensky, G7. La Cina respinge le accuse di “connivenza” con la Russia

Privacy

12 + 1 =

Scrivici se vuoi una mano su questo argomento.